L’Italia ebraica piange Pittsburgh

image-s-2-320x320

Ancora solidarietà dall’ebraismo italiano per l’attentato alla sinagoga conservative Tree of Life di Pittsburgh. Un momento di riflessione e preghiera si sarebbe dovuto tenere nel Tempio Maggiore di Roma, ma è saltato per le avverse condizioni climatiche che hanno colpito la Capitale. Ci si è però ritrovati numerosi in diverse sinagoghe tra cui quelle di Milano e Firenze.

A Milano i nomi delle vittime di Pittsburgh sono stati letti nel silenzio del Tempio di via Guastalla. Tanti gli ebrei milanesi venuti ad ascoltare le parole del rabbino capo della città rav Alfonso Arbib, a leggere insieme i tehillim e recitare il kaddish per le undici vittime dell’attentato. Parlando ai presenti, rav Arbib ha ricordato come l’antisemitismo sia una minaccia costante, che nel corso dei secoli ha cambiato maschera ma il cui bersaglio è rimasto lo stesso: gli ebrei.

ALFONSO ARBIB, NUOVO RABBINO CAPO DELLA COMUNITA' EBRAICA DI MILANO, FOTOGRAFATO SUL LUOGO DI LAVORO ALLA SCUOLA EBRAICA

rav Alfonso Arbib

Questo non significa che non si possa combattere ed è necessario che la politica si prenda le sue responsabilità, il concetto espresso dal rabbino capo: è necessario che i politici smettano di usare toni che incitano alla violenza e all’odio..

“Ci troviamo anche questa volta a dover aprire le nostre sinagoghe per ricordare delle vittime innocenti causate dal cieco odio razzista – ha ricordato il presidente della Comunità ebraica milanese Milo Hasbani – Le undici vittime della strage di Pittsburgh stavano pregando, stavano celebrando lo shabbat, e non si aspettavano di morire in questo modo vile”. Hasbani ha poi richiamato le parole d’odio del responsabile della strage – “Tutti gli ebrei devono morire” – a cui fanno da contraltare quelle dell’ex primo ministro d’Israele Golda Meir che ricordava come ebrei “ci rifiutiamo di scomparire, non importa quanto forte, spietata e brutale possa essere la forza usata contro di noi”.

Milo Hasbani

Milo Hasbani

Tra i presenti in sinagoga il presidente dell’Anpi Milano Roberto Cenati, che in un messaggio al mondo ebraico all’indomani della strage aveva sottolineato: “Ci sono persone a cui si mette in testa che le ideologie razziste siano ancora oggi la risposta alle problematiche attuali, scaricando sugli ebrei, su chi fugge dalle guerre e da situazioni disastrose, la responsabilità della crisi della società contemporanea: è la ricorrente teoria del capro espiatorio. La discriminazione razziale e l’odio per lo straniero così come la purezza etnica sono risposte tragicamente già date nel secolo appena trascorso”. Contro questa retorica d’odio, sottolineava Cenati, l’antidoto più efficace “è costituito dalla Memoria e dalla cultura, legate alla conoscenza storica”.

Daniela Misul 2222

Daniela Misul

Ad intervenire nella sinagoga fiorentina la presidente della Comunità ebraica Daniela Misul, il rabbino capo Amedeo Spagnoletto e il console americano Benjamin Wohlauer. “Sono andato sul sito della sinagoga di Pittsburgh e mi ha fatto impressione constatare come le attività che organizziamo siano molto simili. Veniamo da uno Shabbat particolarmente intenso, qui a Firenze. E proprio di Shabbat si è deciso di colpire a Pittsburgh. Il giorno più importante, il dono più grande che l’ebraismo ha fatto al mondo assieme al monoteismo” ha commentato il rav Spagnoletto.

rav Amedeo Spagnoletto.

rav Amedeo Spagnoletto.

“Non dobbiamo essere indifferenti a quel che ci succede intorno” il monito della presidente Misul, che ha invitato a non sottovalutare i segnali di odio crescenti anche nella società italiana. Segnali che, ha sottolineato, hanno trovato la loro simbolica e allarmante rappresentazione nel corteo fascista di Predappio.
In sinagoga tra gli altri l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il sindaco Dario Nardella, la senatrice Caterina Biti, il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, la Consigliera regionale Titta Meucci, gli assessori comunali Sara Funaro e Massimo Fratini.

sina

Oltre alla dirigenza comunitaria, per l’UCEI era presente la Consigliera Sara Cividalli. “Noi oggi ci sentiamo più che mai vicini alla Comunità ebraica di Firenze, agli ebrei di Pittsburgh e del mondo. Oggi siamo tutti ebrei” ha detto il sindaco Nardella a margine della cerimonia. “Essere qui lo considero un dovere di senatore, rappresentante del proprio territorio. Ma anche un dovere di padre. L’odio antisemita va combattuto anche oggi, ancora oggi” ha affermato il senatore Renzi.

(Moked)

 

 

Condividi