Lo smargiasso di Damasco

siria-israele-770x513

di Niram Ferretti –

Eccolo Bashar Jaafari, l’inviato della Siria alle Nazioni Unite. Dopo le solite patetiche minacce iraniane di cancellare Israele dalla mappa del Medioriente ora arriva l’avviso di uno dei travet del macellaio di Aleppo. E cosa dice? Che se Israele non fermerà i suoi attacchi sulla Siria, la Siria colpirà l’aeroporto Ben Gurion. Capiamo Jaafari, deve fare la voce grossa, gli hanno detto da casa che è così che si fa.

Niram Ferretti 0

Niram Ferretti

Cinquantuno anni fa, Nasser assicurò che una volta che gli eserciti arabi alla sua guida si sarebbero mossi all’attacco di Israele, lo Stato ebraico sarebbe stato annientato velocemente. Naturalmente, ci sono proclami precedenti, come quello del 1948. Anche in quel caso di Israele non sarebbe dovuto rimanere nulla.

Bashar Jaafari

Bashar Jaafari

Se, diciamo, se, i siriani dovessero davvero colpire l’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv la risposta di Israele sarebbe tale che non solo dell’aeroporto di Damasco non resterebbe più traccia ma nemmeno del regime di Bashar Assad nonostante il sostegno della Russia e dei mullah.

Ora toccherà a Putin telefonare ad Assad che non muove una sedia del palazzo presidenziale senza prima chiedere il permesso a Mosca, per dirgli di stare tranquillo. Putin ha le sue gatte da pelare. Ha bisogno di una Siria stabile e non ha intenzione di mettersi di traverso a Israele, quindi gli tocca mediare con l’Iran cercando di fare capire ai mullah che non potrà impedire a Israele di colpire le postazioni iraniane in Siria.

s-300

A Israele di rovesciare Assad, ormai un pupazzo russo, non interessa assolutamente nulla. L’obbiettivo di Israele in Siria è molto semplice e lineare, rimuovere la minaccia iraniana. Punto.

La nostra previsione è dunque arditamente la seguente. Israele continuerà a intervenire in Siria per colpire le postazioni iraniane, dove e quando riterrà di farlo, mentre, dalla Siria sull’aeroporto di Ben Gurion non arriverà nemmeno un sasso. Sono aperti i bagarini.

 

Condividi