L’Olanda pagava il Fronte Popolare
I terroristi che hanno ucciso la Shnerb

di Yossy Raav

I Paesi Bassi hanno pagato parte degli stipendi di due terroristi coinvolti nell’uccisione della diciassettenne Rina Shnerb l’anno scorso, il ministro degli Esteri olandese Stef Blok e il ministro dello sviluppo Sigrid Kaag hanno ammesso in parlamento.

Rina Shnerb

Gli assassini sono membri del Fronte popolare per la liberazione della Palestina , un gruppo terroristico designato nell’UE, e dipendenti dell’Unione palestinese dei comitati di lavoro agricolo (UAWC), a cui il rappresentante olandese a Ramallah ha promesso quasi 20 milioni di dollari nel 2013- 2021.

Stef Blok

I loro stipendi sono stati pagati in parte da fondi olandesi a copertura delle spese generali della UAWC, sebbene non fossero direttamente coinvolti nel programma di gestione della terra e dell’acqua sponsorizzato dai Paesi Bassi. Hanno anche ricevuto l’accreditamento, identificandosi come “dipendenti di un’organizzazione partner della rappresentanza olandese”, a Ramallah ha detto una lettera dei ministri.

I Paesi Bassi stanno sospendendo indefinitamente le loro donazioni a UAWC, in attesa di un’indagine

Sigrid Kaag

“Poiché un’azione attenta è così importante a questo proposito, ho deciso di commissionare una ricerca esterna su eventuali legami tra PFLP e UAWC”, hanno scritto i ministri. “Il Consiglio dei Ministri … vuole determinare autonomamente se e in che modo la continuazione dei contributi è appropriata.”

Le osservazioni dei ministri sono arrivate in risposta a un’interrogazione parlamentare di tre partiti di destra.

Ha anche affermato di non essere stata a conoscenza in precedenza dei legami di UAWC con gruppi terroristici, sebbene l’organizzazione di difesa olandese-israeliana Center for Information and Documentation on Israel (CIDI) e UK Lawyers for Israel abbiano contattato il governo e i legislatori dell’Aja a maggio 2019 per evidenziare tali collegamenti, sulla base delle ricerche del think tank israeliano ONG Monitor.

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi