L’ombra del razzismo

razzisti2

Quando Pat e Joe Jude (una coppia interraziale )sono tornati nella loro casa a Cincinnati a fine novembre, dopo aver trascorso fuori il Giorno del Ringraziamento, hanno subìto uno choc della: dei vandali avevano rotto i vetri, si erano introdotti nella loro residenza imbrattando le stanze e lasciando la loro firma: una svastica nazista.

18928-un-cimitero-ebreo-deturpato-da-delle-svastiche

 

article-ohio3-1205

Joe e Pat Jude

Svastiche dipinte con vernice spray e slogan come “potere bianco”, e poi insulti razziali dispregiativi coprivano le pareti; non contenti, i teppisti hanno versato del cemento sui pavimenti e nel bagno. Succede in Ohio, America, oggi.

La coppia ha spiegato che si erano trasferiti a Cincinnati dal Sud nel 2006. “Siamo stati sposati per 34 anni e non abbiamo mai affrontato questo livello di odio e fanatismo”, si legge nella pagina di raccolta fondi online GoFundMe che la coppia impostato per raccogliere fondi per poter riparare i danni.

“Abbiamo perso un figlio nel 2010, che si è suicidato:  essendo figlio di un bianco e di una donna di colore c’era chi continuava a insultarlo: dispregiativamente lo chiamavano “N” (che sta per nigger, negro, ndr). I Judes solitamente affittavano la loro casa durante il periodo del Thanksgiving Day, ma l’ultima volta – stranamente – nessuno si era fatto avanti per prenotarla.

razzisti

La coppia ha spiegato che mentre erano fuori, da parenti, qualcuno ha distrutto tutto: “Mentre eravamo via, a volte tra il giorno del Ringraziamento e Lunedi, novembre 28 qualcuno si è introdotto da una finestra del primo piano e ha demolito tutto. Lo ha fatto con una tale carica di odio e alla fine ha lasciato impresse le svastiche con la scritta “Potere bianco”. Hanno distrutto ogni stanza. Niente è stato risparmiato. Hanno anche versato del cemento lungo i tubi dei servizi igienici e della cucina”.

Venerdì scorso, la coppia ha creato la pagina GoFundMe, e Lunedi notte i due avevano raccolto quasi i 30.000 dollari, superando di gran lunga la loro iniziale obiettivo.

tru

La pagina su internet ha raccolto grande sostegno e manifestazione di affetto. Tra i messaggi postati qualcuno ne ha lasciato uno particolarmente significativo: “L’amore deve essere più forte dell’odio. Tutte le mie preghiere e il nostro affetto oggi va a voi”. Pat Jude ha ringraziato i sostenitori, la scrittura di un aggiornamento affermando: “Grazie a tutti più e più volte dal profondo dei nostri cuori.”

(Jerusalem Post)

 

Condividi