L’ultimo folle è Shtayyeh
“I soldati Idf sputano sulle auto
per diffondere il Coronavirus…”

Mohammed Shtayyeh Abu Mazen

Mohammed Shtayyeh e Abu Mazen

di Adir Amon –

Ogni giorno ce n’è una. Si aggrappano alla più bieca retorica antisemita per cercare di uscire dall’angolo del difficile momento in cui vivono ed in cui stanno facendo vivere la loro gente. Cercano di uscire dall’angolo delle accuse e dell’impotenza della tempesta Coronavirus e lo fanno nell’unico modo che sanno: attaccare Israele, aizzare l’odio antisionista.

Passengers wearing masks to help protect against coronavirus arrive at the Ben Gurion Airport near Tel Aviv, Israel, Tuesday, March 10, 2020. Israel will quarantine anyone arriving from overseas for 14 days, a decision coming barely a month before Easter and Passover. According to the World Health Organization, people with mild illness recover in about two weeks, while those with more severe illness may take three to six weeks to recover. (AP Photo/Ariel Schalit)

Ed ecco allora che il primo ministro dell’Autorità Palestinese, Mohammed Shtayyeh, ha accusato i soldati delle Forze di Difesa israeliane di diffondere deliberatamente il coronavirus tra la popolazione palestinese di Cisgiordania. “Abbiamo sentito testimonianze su soldati israeliani che cercano sputando di diffondere il virus sulle maniglie delle automobili. Questo è razzismo e odio da parte di gente che vuole la morte degli altri. Lo registreremo nell’elenco dei crimini di Israele”.

E non è mancato il delirio finale. “l’odiosa occupazione – ha accusato Shtayyeh – che non conosce nessuna umanità e che la comunità internazionale  sarebbe tenuta a frenare queste pratiche illegali”.

Condividi