L’utopia dei Due Stati

GJZJNBKQ2696-ktJB-U106018951007729ID-700x394@LaStampa.it

“Mi impegno da 50 anni per la soluzione dei due stati, tra israeliani e palestinesi, sul piano politico, ideologico, e con i palestinesi. Ma con rammarico vedo che è una soluzione che perde quota”: lo ha detto ai Med Dialogues Abraham Yehoshua, scrittore israeliano.

AbrahamYehoshua

Abraham Yehoshua

“Innanzitutto per responsabilità delle due parti – ha affermato – Israele naturalmente ha le sue colpe, con i nuovi insediamenti che continua a costruire, ormai sarebbe impossibile trasferire i 400.000 israeliani che sono andati a vivere in questi insediamenti, il che sarebbe l’unica soluzione. Ormai resta un quarto dell’originale territorio palestinese. Dal loro canto, i palestinesi insistono con tenacia con il ritorno, ma se 3 o 4 milioni di palestinesi tornassero non ci sarebbe più uno stato israeliano”.

Gli-acquarelli-di-Paolo-Galetto-612x372

“Quindi sempre più mi rendo conto che la soluzione dei due stati non è più realizzabile. Dobbiamo individuare una nuova soluzione, ma evitare l’apartheid, che continuiamo a promuovere nei territori. Un’idea che potrebbe essere utile è l’identità mediterranea, che potrebbe essere molto utile per gli israeliani, che sono al 50% di origine mediterranea, gli arabi e anche gli europei”.

(Ansamed)

 

Condividi