Marine Le Pen avverte, “se vinco
gli ebrei francesi non potranno avere
la doppia cittadinanza

ebrei-francesi-2

di Giordano Stabile –

Marine Le Pen, leader del Front National e candidata alla presidenza in Francia, minaccia di togliere la doppia cittadinanza agli ebrei francesi che hanno anche nazionalità israeliana. In un dibattito televisivo, Le Pen ha spiegato che in caso di vittoria alle presidenziale non permetterà a nessun francese di avere un altro passaporto di un Paese al di fuori dell’Unione Europea: “Israele non fa parte dell’Ue – ha spiegato – e non si considera europeo” e quindi il provvedimento riguarderà anche gli ebrei francesi. 

 GiordanoStabile

Giordano Stabile

La legge verrà applicata anche ai cittadini con seconda nazionalità statunitense.  Sarà invece esclusa la Russia, per quando non membro dell’Ue, ma, secondo Le Pen, “parte dell’Europa delle nazioni”. In Francia vivono 500 mila ebrei, la più grande comunità europea, e dai 3 ai 5 mila ogni anno emigrano in Israele, anche per il crescere delle manifestazioni di antisemitismo. A questo proposito, Le Pen, ha “consigliato” agli ebrei francesi di “non indossare in pubblico la kippah” perché potrebbe esporli ad aggressioni.

Le Pen ha giustificato l’invito come parte di quello che chiama “uno sforzo congiunto” per sconfiggere l’estremismo islamista, che “richiede sacrifici da parte di tutti”, ma le sue dichiarazioni sono destinate ad alimentare le polemiche per le posizioni del Front National riguardo gli ebrei. Il padre di Marine Le Pen, Jean-Marine, fondatore e già leader del Front, è dichiaratamente anti-semita e negazionista dell’Olocausto, mentre la figlia ha cercato di portare il movimento su posizioni più moderate.

(FILE) A file picture dated 12 February 2012 of Marine Le Pen, leader of French far-right political party National Front (FN) arrive on stage to deliver a speech during a meeting at the Palais des Congres, in Strasbourg, France.ANSA/YOAN VALAT

Marine Le Pen

Gli ultimi sondaggi danno Marine Le Pen in testa al primo turno delle presidenziali, con circa il 25 per cento. Ma la vedono perdente al secondo turno sia contro il candidato di centrodestra François Fillon che contro il centrista indipendente Emmanuel Marcon.

(La Stampa)

Condividi