Mercato igienico-sanitario
La pistoiese Texsus tessuti hi-tech
comprata gruppo israeliano Shalag

image.jpg f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a

di Silvia Pieraccini –

«Siamo troppo piccoli per competere con i grandi gruppi internazionali». Claudio Giacometti, titolare della pistoiese Texsus, storico produttore di tessuto non-tessuto per il mercato igienico-sanitario, spiega così l’operazione che si chiuderà tra poche settimane (per adesso è stato firmato l’accordo preliminare): la cessione del 100% dell’azienda – più di 60 milioni di ricavi previsti quest’anno (+15%) con un margine operativo lordo del 12-13% e 170 addetti – al gruppo israeliano Shalag Nonwoven, sede a Kibbutz Shamir e fabbriche, oltre che in Medio Oriente, a Oxford in North Carolina. Il valore dell’operazione non è stato reso noto.

index

Con l’acquisizione gli stabilimenti del gruppo Shalag – quotato alla Borsa di Tel Aviv – diventeranno tre in tre continenti, con quello pistoiese, situato nel comune di Chiesina Uzzanese, a fare da “trampolino” per l’espansione in Europa dove l’azienda israeliana (ben posizionata in Medio Oriente, Nord e Sud America e Est Europa) oggi è debole. «E invece noi abbiamo il 35% del mercato europeo del tessuto non-tessuto prodotto con la tecnologia air through bonded» sottolinea Giacometti che, appena conclusa la vendita, lascerà Texsus per dedicarsi alle altre sue attività imprenditoriali (produzione di carta e alberghiero).

default-logo

La tecnologia su cui Texsus ha investito negli anni, e che ha attirato l’attenzione degli israeliani fino a oggi concorrenti dell’azienda pistoiese, è quella che ‘blocca” le fibre tessili attraverso l’aria ad alta temperatura (una sorta di termofissaggio), utilizzata in particolare nei pannolini per bambini e per incontinenti e negli assorbenti da donna prodotti dalle multinazionali. Proprio il fatto di avere come clienti questi colossi del settore igienico-sanitario richiede, secondo Giacometti, dimensioni e forza non raggiungibili con un’azienda familiare.

index

Texsus negli ultimi tre anni è cresciuta a doppia cifra, passando dai 46,1 milioni di ricavi 2017 (con 1,7 milioni di utile netto) a più di 52 milioni l’anno scorso (con 3 milioni di utile netto), a oltre 60 milioni attesi quest’anno.

Il gruppo Shalag nel 2018 ha fatturato circa 105 milioni di euro, con un utile di quasi 13 milioni di euro. Con questa acquisizione diventerà il primo produttore al mondo di tessuto-nontessuto con la tecnologia airthrough bonded, raggiungendo una capacità produttiva di 6omila tonnellate all’anno.

about_pic21

«Apprezziamo la reputazione che ha Texsus sul mercato – ha affermato Ilan Pickman, amministratore delegato di Shalag – e siamo convinti che le forti sinergie tra le due aziende consentiranno di fornire ai nostri clienti nel mondo i servizi migliori, aumentando l’innovazione e le capacità tecnologiche del gruppo».

Texsus diventerà una filiale del gruppo Shalag e continuerà a essere guidata dal direttore Federico Michelotti e dal responsabile marketing Barbara Bulled. Shalag ha annunciato l’intenzione di garantire la continuità aziendale mantenendo gli attuali livelli occupazionali.

 ( Sole 24 Ore )

66455177_357391198305855_5346773549493256192_n

 

Condividi