Milano, la Brigata ebraica
con Piero Cividalli
in Consiglio comunale

d5f63508-4738-11e8-a4e7-1679ce296b97_WhatsApp Image 2018-04-23 at 20.52.46-kfWH-U1110557420267LlE-1024x576@LaStampa.it

Piero Cividalli

di Davide Riccardo Romano –

Come direttore del Museo della Brigata Ebraica vi annuncio con gioia che grazie alla disponibilità del Comune di Milano (speciale ringraziamento a Mario Vanni) abbiamo ottenuto che un ex soldato della Brigata sia ospite del Consiglio comunale della nostra città.

Davide Riccardo Romano

Davide R. Romano

Parlo di Piero Cividalli.Nato nel 1926 in una delle famiglie antifasciste più importanti di Firenze, trasferitosi a causa delle Leggi Razziali in Palestina, nel 1944 Piero Cividalli si arruolò volontario nella Jewish Brigade Group, un corpo formato da volontari dell’esercito britannico noto anche come Brigata Ebraica, con l’intento di liberare l’Italia dal giogo nazifascista e riabbracciare i nonni materni, rimasti nel frattempo nascosti in Toscana.

-248x300

Piero Cividalli   arruolato nella Brigata ebraica

Terminata la guerra, Cividalli decise di non tornare in Italia, dove aveva vissuto sino all’età di 13 anni, per rimanere in Palestina prima come cittadino del Mandato Britannico e poi come cittadino dello Stato di Israele (1948)

La seduta del consiglio comunale con piero Cividalli è un successo storico e politico. Storico, perché questo evento contribuirà a fare conoscere la gloriosa vicenda della Brigata Ebraica. Ma anche un successo politico, poiché questo ulteriore riconoscimento rinforzerà la legittimità della storia di quei 5mila sionisti che lottarono sotto le insegne ebraiche, all’interno dell’esercito britannico.

56866385_2263011147291863_3569424741338972160_n

“Piero Cividalli, ultimo sopravvissuto italiano della Brigata Ebraica – si legge in una nota del Comune di Milano – sarà ospite della seduta del Consiglio comunale di Milano di lunedì 15 aprile alle 16:30. Ad accoglierlo saranno i rappresentanti dell’Amministrazione comunale. Al termine degli interventi istituzionali e della sua testimonianza, ogni gruppo consiliare avrà facoltà di intervenire.”

 

 

 

Condividi