“Morte a tutti gli ebrei”
E la Disney licenzia
la web star svedese

 

27-23-felix-kjellberg-pewdiepie-the-boss-list-2015-edition-1448569836

di Valerio Castro –

La Disney ha interrotto tutti i rapporti di collaborazione con la webstar svedese PewDiePie per la pubblicazione su YouTube di video contenenti battute antisemite. Secondo quanto riferito dalla Bbc, la decisione della Maker Studios (sussidiaria di Disney), che mai prima di oggi era intervenuta nei contenuti pubblicati da PewDiePie, il cui vero nome è Felix Kjellberg, è stata presa in seguito ai «contenuti inappropriati».

488ae0fc0fe34aac4b57d318a0e45567

PewDiePie, Felix Kjellberg

«Anche se Felix si è costruito un seguito per i suoi video provocanti e irriverenti, questa volta si è spinto decisamente oltre», ha spiegato un portavoce. In un video pubblicato a gennaio e ora non più disponibile, perché rimosso, uno dei più famosi YouTuber al mondo seguito da oltre 53 milioni di iscritti ha pagato due uomini indiani tramite un sito di freelancer, per riprenderli mentre cantavano mostrando un cartello con la scritta «morte a tutti gli ebrei». In altri video pubblicati dalla web star era invece apparso un fan che disegnava una svastica mentre in un altro caso è stato intonato l’ inno ufficiale del partito Nazionalsocialista tedesco.

Felix Kjellberg

 

Uscite che la Disney non sarebbe più disposta a tollerare. Kjellberg si è difeso dicendo che con le sue erano provocazioni per «dimostrare quanto sia folle il mondo moderno, e in particolare alcuni servizi disponibili on line», come quelli che permettono di ingaggiare lavoratori freelance, e che le persone «sono disposte a dire qualsiasi cosa per 5 dollari». PewDiePie, che l’anno scorso era stato sospeso temporaneamente da Twitter per alcune battute sull’Isis, ha voluto anche precisare che «non sostengo e non promuovo in alcun modo l’odio e la violenza», né «gruppi che sostengono l’odio razziale», che i suoi sono «esclusivamente video di intrattenimento senza commenti politici seri». «So bene – ha aggiunto scusandosi – che i miei utenti sono consapevoli che è uno scherzo, non volevo offendere nessuno».

(Il Tempo)

 

 

Condividi