“Nel tunnel”, la commedia
che in Israele
fa il tutto esaurito

Uno dei luoghi più tetri e minacciosi - un tunnel scavato da Hamas sotto a Gaza per fini militari - fa da scenario ad una esilarante commedia antimilitarista che da questa settimana a Tel Aviv riempie il teatro Gesher mentre i botteghini riferiscono di un 'tutto esaurito'. ANSA/RADI RUBINSTEIN +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Uno dei luoghi più tetri e minacciosi – un tunnel scavato da Hamas sotto a Gaza per fini militari – fa da scenario ad una esilarante commedia antimilitarista che da questa settimana a Tel Aviv riempie il teatro Gesher mentre i botteghini riferiscono di un ‘tutto esauritò.

Uno dei luoghi più tetri e minacciosi - un tunnel scavato da Hamas sotto a Gaza per fini militari - fa da scenario ad una esilarante commedia antimilitarista che da questa settimana a Tel Aviv riempie il teatro Gesher mentre i botteghini riferiscono di un 'tutto esaurito'. ANSA/VICTORIA SHUV +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

La trama di ‘Nel Tunnel’ – che si ispira al celebre film ‘No Man’s land’ del regista bosniaco Danis Tanovic – prende le mosse dall’incontro inaspettato sotto terra di due soldati israeliani con un miliziano di Hamas. Sopra di loro la guerra infuria. Un bombardamento israeliano ha fatto crollare l’accesso al tunnel da Gaza. Intanto anche la sua uscita verso Israele risulta ostruita. Ora i tre dovranno vedersela assieme su come uscire vivi dalla brutta esperienza. «Ma non cercavi il martirio?, chiedono stupiti gli israeliani. ‘Sì, ma non c’è premurà, risponde il giovane di Hamas». In quelle condizioni le armi da fuoco sono evidentemente superflue: il miliziano estrae dallo zainetto i succulenti manicaretti cucinati dalla mamma a Gaza, seguito dalle occhiate di invidia dei soldati che hanno solo razioni militari. Almeno fra di loro, la superiorità culinaria palestinese è schiacciante. Nella piece scritta da Roi Chen (con la regia di Irad Rubinstein) in uno spirito anarchico da ‘Comma 22’ di Joseph Heller la parte dei ‘cattivì è assegnata ad altri. Ad esempio i dirigenti politici delle due parti: sempre pronti a declamare frasi fatte e a mettersi in posa davanti alle telecamere, insensibili alla lotta per la sopravvivenza dei tre giovani sepolti sotto terra, e ormai indistinguibili fra di loro. Anche i mass media sono messi alla berlina, per la loro inclinazione a banalizzare drammi umani in ‘show’ esibizionistici.

Uno dei luoghi più tetri e minacciosi - un tunnel scavato da Hamas sotto a Gaza per fini militari - fa da scenario ad una esilarante commedia antimilitarista che da questa settimana a Tel Aviv riempie il teatro Gesher mentre i botteghini riferiscono di un 'tutto esaurito'. ANSA/VICTORIA SHUV +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Per rendere più autentico lo spettacolo, gli attori (fra cui l’arabo israeliano Firas Nasser) si sono sottoposti ad addestramenti paramilitari in un poligono. Gli spettatori si sentiranno coinvolti non solo dal crepitare delle armi ma anche dall’odore della polvere da sparo. E a stabilire l’esito della vicenda – mentre sopra al tunnel esponenti Onu, politici e giornalisti cercano di assicurarsi un momento di gloria – sono appunto gli spettatori. Prima di entrare in aula sono invitati a deporre in un’urna il proprio voto sul quesito centrale: «C’è una luce in fondo al tunnel? C’è la speranza che il conflitto israelo-palestinese finisca?». L’autore ha scritto due finali opposti, ma sono gli umori del pubblico a decidere come finirà ogni serata. «I protagonisti prima si sparano, ma poi imparano a conoscersi. Scoprono che sotto le divise ci sono esseri umani» ha spiegato Chen. «Il ‘tunnel’ è dunque una metafora: rappresenta il luogo dove noi tutti ci troviamo».

 

Le prime critiche sono elogiative. L’opera – ha scritto Yediot Ahronot – «è uno spettacolo splendido. Ma ancora di più è anche uno spettacolo importante perchè ci pone di fronte uno specchio satirico coraggioso che riflette le magre condizioni in cui versiamo». I primi biglietti sono andati a ruba; fino a marzo tutte le serate sono state vendute.

(ANSAmed)

Condividi