Nella Palermo di Orlando
Falcone e Borsellino di nuovo in croce

1572437856-falcone-e-borsellino-crocifissi

L’immagine choc di piazza Pretoria a Palermo: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino “crocifissi

di Franco Meda –

La domanda sporge spontanea: ma che città è questa? L’immagine choc a piazza Pretoria a Palermo: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino “crocifissi”. E non c’è spiegazione che tenga, qualsiasi sia l’intenzione della raffigurazione affissa al muro della salita Santa Caterina dall’evocazione del martirio, ad altro che non vogliamo neanche nominare.

ef9e083e-fa4a-11e9-88c1-96c4008e4167

Palermo, ora c’è via Arafat

Torna alla mente la celebre scena di Jonny Stecchino, quella dove si cercava la spiegazione della terribile piaga che infama Palermo: “il traffico…” la geniale risposta. Vero sindaco a vita Leoluca Orlando Cascio  che pensa ad intitolare le strade ad un terrorista come Arafat e poi “scopre” in croce Falcone e Borsellino.

Vero che a mettere in “croce” Falcone Orlando furioso. Come dimenticare quella storia puntata della trasmissione Sarmarcanda, condotta da Michele Santoro su Rai Tre,  il 24 maggio 1990 quando il sindaco di Palermo lanciò un’accusa gravissima: il pool ha una serie di omicidi eccellenti a Palermo e li tiene “chiusi dentro il cassetto”.

in dex

Giovanni Falcone, Leoluca Orlando

L’apoteosi della cultura del sospetto  che divenne il vessillo del movimento di Orlando  “la Rete”, una feroce campagna  che arrivò sino ai vertici dello Stato con Cossiga “costretto” il 16 agosto 1991 a scrivere una lettera al Guardasigilli Claudio Martelli dove si chiedeva che sulla “teoria di Orlando venisse aperta un’inchiesta affidata all’autorità giudiziaria al di fuori della Sicilia”…

Condividi