Netanyahu e Re Abdallah
Sul tavolo l’”accordo del secolo”

 

3465821b09f34aeeedba9ad615de4a91.jpg--

di Giordano Stabile –

Il primo incontro ufficiale fra Benjamin Netanyahu e Re Abdallah di Giordania dopo quattro anni dà il via a un tour de force diplomatico per aprire la strada al piano di pace americano per il Medio Oriente, «l’accordo del secolo» nelle ambizioni di Donald Trump.

Giordano Stabile

Giordano Stabile

Al summit di lunedì sera è seguito subito, ieri pomeriggio, l’incontro del sovrano giordano con l’inviato speciale della Casa Bianca Jason Greenblatt e il consigliere, nonché genero del presidente, Jared Kushner.

Re Abdallah ha un ruolo decisivo in questa difficilissima partita. Il re hashemita, discendente diretto del Profeta, è il «protettore» dei luoghi santi musulmani di Gerusalemme.

arton201584-7ae2b

L’arrivo di Netanyahu in Giordania

Netanyahu ha ribadito il suo impegno «a mantenere lo status quo» per quanto riguarda la Spianata delle moschee, Monte del Tempio per gli ebrei, dove sorgono la moschea di Al-Aqsa e la Cupola della Roccia. Rimarranno cioè sotto il controllo amministrativo di una fondazione religiosa, Waqf, che fa a capo alla Giordania.

È un punto imprescindibile per Abdallah. Il sovrano è alle prese con una crisi economica che ha portato alle più imponenti proteste di piazza dal 2011. Dopo un vertice di urgenza alla Mecca, il 10 giugno, ha incassato la promessa di aiuti per 2,5 miliardi da parte di sauditi ed emiratini e in cambio ha accentuato i toni anti-Iran. Perché, oltre che sulla questione palestinese, a Israele e agli alleati del Golfo preme mantenere l’allineamento della Giordania contro il fronte sciita, incrinato dopo l’incontro fra lo stesso Abdallah e il presidente iraniano Hassan Rohani a Istanbul.

Eliezer Toledano, Benjamin Netanyahu and Moshe Ya'alon in Otniel

Eliezer Toledano, Benjamin Netanyahu e Moshe Ya’alon

Netanyahu non a caso era accompagnato dal capo del Mossad Yossi Cohen e dal consigliere militare Eliezer Toledano. Fra i punti in discussione c’era anche l’apertura dello spazio aereo giordano ai jet israeliani che compiono raid contro le milizie filo-iraniane in Siria.
L’ultimo summit ufficiale Netanyahu-Re Abdallah si era tenuto nel 2014, ma i due leader si erano visti in segreto ad Aqaba nel 2016, durante il tentativo di mediazione dell’ex segretario di Stato John Kerry.

Jared Kushner  e Re Abdallah

Jared Kushner e Re Abdallah

Ora la mediazione è nelle mani di Kushner e Greenblatt. Dopo Amman faranno tappa in Egitto, Qatar e Arabia Saudita. L’obiettivo è presentare il piano di pace alla fine del tour ma le distanze fra Israele e i palestinesi sono abissali.

Secondo indiscrezioni di Al-Fatah e media arabi, il piano offre ai palestinesi soltanto metà Cisgiordania e Gaza, cioè «l’11 per cento della Palestina storica».

Abu Mazen ha fatto una controfferta per «uno scambio di territori», lungo la linea del 1967, che porterebbe alla cessione a Israele «del 6,5 per cento della Cisgiordania», ma non certo della metà.

(Stampa)

 

Condividi