Nobel per la letteratura
Dalla guerra dei 6 giorni
alla guerra dei 53 anni

amos-oz-david-grossma-ab-yehoshua

Amos Oz, Abraham Yehoshua, David Grossman: la «conventio ad excludendum» nei confronti degli scrittori israeliani

di  Valentino Baldacci –

Non sono un critico letterario e perciò non entro nel merito dei Nobel per la letteratura assegnati nei giorni scorsi alla polacca Olga Tokarczuk e all’austriaco Peter Handke. Ma questo non vieta una riflessione sulla singolare «conventio ad excludendum» nei confronti degli scrittori israeliani che dura dal 1966, quando fu premiato Shmuel J. Agnon, il padre, insieme a Haim N. Bialik, della letteratura ebraica moderna.

unnamed

Valentino Baldacci

Da allora Israele ha dato al mondo una grande quantità di scrittori di altissimo livello, tradotti in moltissime lingue, apprezzati universalmente. Tre di essi hanno raggiunto una fama indiscussa, che ha visto d’accordo non solo milioni di lettori ma anche la critica più rigorosa: Amos Oz, David Grossman, Abraham Yehoshua.

index

Shmuel J. Agnon

Ma se il conferimento del Nobel vuol non solo riconoscere il valore di uno scrittore ma anche mettere in evidenza la vitalità di una letteratura nazionale, occorre sottolineare che insieme ai tre maggiori sono conosciuti e apprezzati decine di altri scrittori israeliani, come Assaf Gavron, Ayelet Gundar-Groshen, Yoram Kaniuk, Yehoshua Kenaz, Etgar Keret, Michael Sami, Eshkol Nevo, Meir Shalev, Zeruya Shalev, solo per citarne alcuni, che sono stati tradotti in molte lingue e, in particolare, sono stati pubblicati in Italia da numerosi editori: basta scorrere il catalogo della collana “Israeliana” della Giuntina per avere un’idea adeguata dell’importanza che ha oggi la letteratura israeliana..

epa07909867 (FILE) - A combo picture of file images shows Austrian novelist Peter Handke (L) in Vienna, Austria, on 16 October 2014, and Polish writer Olga Tokarczuk (R) in London, Britain, on 15 March 2017 (reissued 10 October 2019). The Swedish Academy announced on 10 October 2019 that Tokarczuk and Handke have both won the Nobel Prize in Literature, for 2018 and 2019 respectively. Two Nobel Prize for Literature laureates were named this year because last year's prize was not awarded due to a sexual abuse scandal at the Swedish Academy. EPA/GEORG HOCHMUTH / FACUNDO ARRIZABALAGA AUSTRIA OUT *** Local Caption *** 53925516

Peter Handke e Olga Tokarczuk

E allora perché questo ostracismo, soprattutto quando si assiste – contrariamente a quanto accadeva in passato, quando il Nobel veniva assegnato a scrittori di indiscusso valore – alla premiazione di oscuri autori che vengono dimenticati subito dopo l’assegnazione del premio e che hanno pubblicato in lingue minoritarie, comprese da pochissimi specialisti?

Si è detto che questo è stato, negli ultimi anni, il criterio prevalente nell’assegnazione del premio, quello di far conoscere lingue e letterature diverse da quelle dei circuiti linguistici prevalenti.

Cerimonia-per-il-Nobel-1024x768

Ma, allora, perché non usare questo criterio anche nei confronti dell’ebraico?
Il detto popolare vuole che a pensare male si fa peccato ma che spesso ci si azzecca. È difficile sottrarsi all’impressione che quella data, il 1966, quando fu premiato Agnon, costituisca una specie di muro e che dall’anno successivo, il 1967, l’anno della guerra dei Sei giorni, abbia prevalso, nei criteri adottati dai signori di Stoccolma, quello del «politicamente corretto» piuttosto che quello della valutazione basata sull’onestà intellettuale.

 (Moked)

 

Condividi