“Non intendo annettere
due milioni di palestinesi ”
La posizione di Netanyahu

** FILE ** In this Feb. 11, 2009 file photo, Israel's Likud Party leader Benjamin Netanyahu addresses supporters at the Likud election headquarters at the convention center in Tel Aviv. Far-right politician Avigdor Lieberman endorsed Benjamin Netanyahu for Israeli prime minister on Thursday, Feb. 19, 2009, all but guaranteeing that the U.S.-educated hawk will be the country's next leader. (AP Photo/Bernat Armangue, File)

“L’ho detto in precedenza e lo ripeto di nuovo qui: non intendo annettere 2,5 milioni di palestinesi in Israele. Non voglio che siano nostri cittadini”. Lo ha affermato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu parlando ai giornalisti israeliani e stranieri poco dopo l’incontro alla Casa Bianca con il presidente Usa Donald Trump. Ribadendo le dichiarazioni fatte nella conferenza stampa congiunta con Trump, Netanyahu ha detto che le sue posizioni circa uno stato palestinese non sono cambiate dal suo discorso del 2009 all’Università Bar-Ilan in cui accettava in linea di principio la creazione di uno stato palestinese che fosse smilitarizzato e riconoscesse Israele come stato nazionale del popolo ebraico.

Condividi