Più di un israeliano su due
non vuole la “pace” con Hamas

123940835-f33016b1-5a2e-4684-ac40-a564a2f85c86

di Amanda Gross –

Secondo un sondaggio realizzato dall’Ifpi, più della metà degli israeliani (51 percento) si oppongono a tenere negoziati con Hamas. Di contro solo il 32% è favorevole a tenere vivi i colloqui e le trattative con il gruppo terroristico per un duratura “cessate il fuoco”.

Nonostante l’opposizione a un accordo con i governanti di Gaza, il 43% per cento degli israeliani auspica che il governo migliori le condizioni di vita nella striscia, mentre il 38% pensa che l’aumento della pressione economica nell’area sia, invece, la giusta politica.

isr

Inoltre, il rapporto mostra che il 50% della popolazione israeliana vuole che il governo torni al tavolo dei negoziati per raggiungere un accordo di pace con l’Autorità palestinese, mentre il 49% crede che la pace tra Israele e palestinesi non sia essenziale quanto stabilire migliori rapporti con il mondo arabo. Tuttavia, il 33% dei cittadini è convinto che una svolta nelle relazioni con gli stati arabi dipenda dalla normalizzazione delle relazioni con l’Autorità palestinese.

Una larga maggioranza del pubblico israeliano (69%) crede che la cooperazione regionale tra Israele e il Medio Oriente sia possibile. Tuttavia, il 41% non vuole visitare alcun paese arabo, anche quando i rapporti tra i due paesi sono normali. Il 28% degli intervistati ritiene che Israele non dovrebbe promuovere la cooperazione con i paesi arabi.

88491920100092640360no

Una vasta maggioranza di israeliani comunque pensa che sia possibile una cooperazione regionale tra Israele e paesi mediorientali, mentre il 19% pensa che non lo sia. Inoltre, il 41% non visiterebbe un paese arabo, e il 28% non è favorevole a nessun tipo di dialogo con nessun paese arabo.

Chi crede nell’importanza di sviluppare relazioni con il mondo arabo, pensa che l’Egitto e l’Arabia Saudita siano i due paesi musulmani più importanti con i quali sviluppare la cooperazione.

 

Condividi