Purim, Netanyahu ai bambini “Volevano ucciderci
non ci riuscirono”

netanyahucover

In occasione del Carnevale ebraico, il Purim, il premier israeliano Benyamin Netanyahu si è recato oggi in un asilo e – di fronte ai bambini in maschera e ai loro genitori – ha tracciato un parallelo fra le condizioni degli ebrei nella Persia del quinto secolo a.C. e l’Israele di oggi. Allora – ha affermato, facendo riferimento al ‘Libro di Ester’ relativo alle vicende degli ebrei nel regno di Assuero (Serse) – «volevano ucciderci, ma non ci riuscirono»: da qui appunto i festeggiamenti del Purim. «Anche oggi – ha aggiunto – si tenta dalla Persia di distruggerci. E anche oggi – ha concluso, fra gli applausi scroscianti degli adulti – non ci riusciranno». Nei giorni scorsi, durante una visita a Mosca, Netanyahu aveva tracciato il medesimo parallelo fra la Persia di Assuero e l’Iran di oggi. Immediata la reazione di Ali Larijani, il presidente del parlamento iraniano, secondo cui il premier israeliano «ha distorto la Storia e si dimostra poco pratico anche degli stessi testi sacri ebraici».

Condividi