Ramallah, via al programma Amal

epa05687245 Palestinian women react as they watch the funeral of Mohammed Turokman at the Qabatya village, near the West Bank City of Jenin, 24 December 2016. Palestinian security services officer, Mohammed Turokman, was killed by Israeli forces after he allegedly opened fire at a group of Israeli soldiers at a checkpoint, near Ramallah on 31 October. Israeli authorities have been holding the body of Turokman since the attack. EPA/ALAA BADARNEH

Il Ministro dell’Educazione palestinese, Marwan Awartani, e il Console italiano a Gerusalemme, Fabio Sokolowicz, hanno dato avvio a Ramallah, in Cisgiordania, al programma di cooperazione Amal.

Fabio Sokolowicz

Fabio Sokolowicz

Finanziato dalla Cooperazione italiana, Amal (“Speranza” in arabo) mira – ha spiegato un comunicato del Consolato – a “promuovere obiettivi di uguaglianza di genere e tutela dei diritti umani nelle istituzioni dell’Autorità nazionale palestinese, a cominciare da scuole, università, Procura generale e Ministero dell’Educazione, contribuendo al contempo alla partecipazione delle donne alla sfera pubblica”.

Marwan Awartani

Marwan Awartani

Nel ringraziare il Governo italiano, il Consolato e la Cooperazione per il supporto al settore educativo, Awartani ha sottolineato “la priorità attribuita all’investimento sui giovani, che vanno cresciuti ed educati a una cultura della partecipazione e delle pari opportunità grazie a progetti come quello italiano”.

(Ansamed)

Condividi