Restaurato il Moskowitz Mahzor
Il manoscritto è anche online

Moskowitz-Mahzor-After-Restoration-1140x570

di Yair Shalom –

Il restauro del  rinomato Moskowitz Mahzor (volume di 376 pagine) della Biblioteca Nazionale di Israele è stato completato e per la prima volta il manoscritto è online .Moskowitz Mahzor fu creato su pergamena nel XV secolo da Joel ben Simeon, considerato da molti come il più importante artista ebreo del Medioevo.

51NtFzlGXxL._SX350_BO1,204,203,200_

Il manoscritto è considerato eccezionale a causa delle illustrazioni e delle illuminazioni trovate ovunque, tra cui immagini di conigli, orsi, pesci, scoiattoli e uccelli, nonché creazioni immaginarie come un unicorno e una vasta gamma di simboli mitologici, religiosi e astrologici.

Comprende preghiere secondo il rito ebraico romano per tutto l’anno, compresi i giorni feriali, il sabato, le festività, le letture della Torah, l’Haggadah pasquale, Pirkei Avot (“Etica dei padri”) con un commento di Maimonide, varie benedizioni e sentenze legali in relazione con l’halachah, la legge ebraica.

Moskowitz-Mahzor-Before-Restoration

È anche eccezionalmente pieno di piyyutim (poesia liturgica ebraica), selichot (preghiere penitenziali ebraiche) e rare formule di altre preghiere.

.Il Mahzor fu donato alla Biblioteca Nazionale di Israele nel 1970 da Henry e Rose Moskowitz di New York in memoria dei genitori di Henry, della prima moglie, della figlia e di altri parenti assassinati nell’Olocausto.

 

 

Condividi