Riconosciuta nel nome di Shevach
la comunità Havat Gilad

img813614

di Daniel Harkov –

E’ stata una domenica di festa ad Havat Gilad, di festa grande. La notizia dell’approvazione del consiglio dei ministri di approvare la richiesta di riconoscimento come “comunità autorizzata” ha ovviamente suscitato grande entusiasmo ed apprezzamento

Hananel Dorani

Hananel Dorani

Il capo del Consiglio di Yesha, Hananel Dorani, ha espresso viva soddisfazione e si è augurato che Israele, contando sulle calde relazioni con l’amministrazione Trump, possa espandere le comunità ebraiche in Giudea e Samaria. “Spero che questo apra la diga per ulteriori avamposti da riconoscere dal governo”, ha detto Dorani ad Arutz Sheva.  “Abbiamo l’opportunità per affrontare tutti gli avamposti e ampliare questi villaggi”. Abbiamo un’amministrazione americana solidale, una rottura tra americani e palestinesi, un’Europa totalmente indifferente alle questioni del Medio Oriente e un mondo arabo stufo dell’AP. Se non ora, quando?”

images

La splendida famiglia del rabbino Raziel Shevach barbaramente ucciso

Il primo ministro Netanyahu ha sostenuto che la decisione di Israele di trasformare Havat Gilad in una comunità riconosciuta è un chiaro messaggio. “Chiunque pensi che un assassinio di un residente di Havat Gilad, un padre di sei anni, possa rompere il nostro spirito e indebolirci sta facendo un grosso errore.” “La morte di Shevach non sarà stata per nulla – ha aggiunto presidente della Knesset Yuli Edelstein -. Continueremo a lavorare per fornire infrastrutture, illuminazione e necessità di sicurezza in tutta la Giudea e la Samaria al fine di garantire ai cittadini la massima sicurezza possibile

Yuli Edelstein

Yuli Edelstein

Il capo del Consiglio regionale di Shomron, Yossi Dagan, ha dichiarato: “Questo è un momento storico per la famiglia Shevach, per la comunità di Havat Gilad, per l’intero Stato di Israele: i pionieri di Havat Gilad hanno dimostrato che lo spirito non può essere sconfitto, questa è, soprattutto, la vittoria della verità e del sionismo “.

 

Condividi