Riprendiamoci la Grotta

Grotta dei Patriarchi a Hevron

Grotta dei Patriarchi a Hevron

di Amanda Gross –

L’ex ministro e membro del Likud Gideon Sa’ar ha risposto in un’intervista con Arutz Sheva alla risoluzione dell’Unesco secondo cui la Grotta dei Patriarchi e la Tomba di Rachele sono “parte integrante del territorio palestinese occupato. Ovviamente si è trattato di una spudorata decisione di una organizzazione anti-israeliana,   in linea con le decisioni precedenti, che negano i nostri diritti .”

Gideon Sa'ar

Gideon Sa’ar

Sa’ar lancia una iniziativa.  “Invece di occuparci di questa decisione solo a livello politico, di relazioni pubbliche e diplomatiche, possiamo compiere una serie di passi nel campo che dimostreranno che siamo i proprietari della Grotta dei Patriarchi e risolveremo alcuni problemi che esistono e sono gravi.”

Per questo – ha continuato Sa’ar – È molto importante rinnovare il progetto che ho avviato ed è stato guidato dal Ministro dell’Istruzione per portare gli studenti di Israele nella grotta dei Patriarchi e l’insediamento ebraico di Hevron: una iniziativa che porta i ragazzi alle nostre radici, nel luogo in cui siamo sorti come un popolo  straordinario.  Mi dispiace che il ministro dell’educazione,   abbia smesso di farlo e penso che queste visite dovrebbe essere riprese e invito l’attuale ministro dell’educazione, Naftali Bennet, a rinnovarle “.

Hebron

Secondo Sa’ar, poi la grotta dei Patriarchi dovrebbe essere resa accessibile ai disabili, il che aiuterà egualmente sia gli ebrei che i musulmani. “Oltre a questo, le condizioni nell’Auditorium di Yitzhak, una sala dove il pubblico ebraico viene a pregare e che non ha tetto, sono difficili durante i giorni estivi e ancora di più durante l’inverno. Penso che sia tempo  correre ai ripari. Questa è una serie di semplici azioni banali che trasmetteranno il messaggio molto più fortemente delle parole. ”

 

 

 

Condividi