“Sarebbe un disastro
stracciare l’accordo”
E la Mogherini convoca Zarif …

e2747ac8-5521-11e8-9b53-c3459fa6693f_7d2d0d1fa26002b242f2b4a3541b97e3-ks5G-U1110831816102v9H-1024x576@LaStampa.it

«Se domattina l’accordo non ci fosse più ci sarebbero conseguenze disastrose. Dobbiamo fare tutto quello che possiamo per mantenerlo». L’Alto Rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini prende posizione sulla volontà degli Stati Uniti di stracciare l’accordo sul nucleare con l’Iran. Lo fa a «The State of the Union» a Firenze e convoca per martedì a Bruxelles un incontro con i ministri degli Esteri di Francia, Germania e Gran Bretagna, a cui seguirà un secondo incontro del gruppo col capo della diplomazia iraniana Mohammad Javad Zarif.

«Come europei siamo determinati a mantenere tutti gli impegni presi – continua Mogherini – e a fare in modo che tutte le parti coinvolte lo facciano». «Nessun Paese da solo – ha concluso – può disfare l’accordo o distruggerlo».

Mohammad Javad Zarif

Mohammad Javad Zarif

Zarif sarà a Bruxelles, per incontrare le controparti di Germania, Francia e Gran Bretagna, i Paesi europei che hanno sottoscritto l’accordo del 2015 da cui gli Stati Uniti hanno deciso di uscire (lunedì Zarif sarà a Mosca per un incontro con Sergei Lavrov e prima ancora, nel fine settimana, sarà in Cina). La convocazione della doppia riunione arriva a distanza di qualche giorno dalla decisione del presidente Usa Donald Trump di voler uscire dall’accordo. L’Ue ha più volte ribadito che l’intesa funziona, ed il proprio impegno a preservarla.

trump8dff5116a_60185289

La disdetta dell’accordo nucleare di Trump

Un annuncio che ha creato un terremoto a catena in tutto il mondo, e che potrebbe riscrivere gli equilibri delle alleanze. Il mondo vive una fase di grande incertezza ma proprio da questa incertezza gli europei devono trarre la forza di una maggiore integrazione, a cominciare dalla difesa unica, obiettivo che potrebbe essere raggiunto. È questa la posizione di Mogherini. E rilancia le basi dell’Unione dei 27: «Proprio le tensioni di questi giorni ci ricordano che, oggi, l’Unione europea è più indispensabile che mai. Più di quanto a volte noi stessi pensiamo. Siamo il partner indispensabile per tutti coloro che credono nel multilateralismo, e in un sistema internazionale più cooperativo e meno conflittuale. Siamo il partner indispensabile per chi vuole un commercio allo stesso tempo libero e giusto. Per chi vuole investire in uno sviluppo veramente sostenibile, e nella lotta al cambiamento climatico», ha detto Mogherini.

«Ma la nostra Unione è indispensabile anche e soprattutto per tutti noi, cittadini europei, perché in un mondo di potenze grandi come continenti, l’Europa unita è l’unica risposta efficace per i bisogni degli europei. Se parliamo di posti di lavoro, di commercio internazionale, di sviluppo economico, di sicurezza, di gestione dei flussi migratori, di diritti e opportunità – l’unico livello di governo adeguato a dare risposte reali è l’Unione europea», ha proseguito Mogherini.

(Stampa)

 

 

Condividi