Sbugiardato l’accordo nucleare
“ L’Iran preparava 5 bombe
Poteva essere un’altra Hiroshima”

89bc34a2-4c9d-11e8-9a71-b4d79182be98_2018-04-30T173710Z_295670735_RC1C7CD28100_RTRMADP_3_ISRAEL-IRAN-NETANYAHU-ktqC-U1110665393849PdG-1024x576@LaStampa.it  «Mostrerò   i dossier nucleari segreti dell’Iran. Si tratta di uno dei maggiori successi di intelligence che Israele abbia mai conseguito». A dirlo è il premier Benjamin Netanyahu, che, in un discorso alla nazione, sottolinea: «L’Iran ha mentito». 

Secondo Netanyahu, i servizi segreti di Israele sono riusciti ad ottenere «55 mila documenti relativi a progetti nucleari che includono fotografie che li incriminano, progetti e altri documenti». Per il premier israeliano l’Iran progetta di dotarsi di almeno cinque ordigni nucleari analoghi a quelli di Hiroshima. Con i loro missili possono colpire a migliaia di chilometri, ha avvertito.

422517

«L’accordo nucleare è basato sulla menzogna, sulla menzogna iraniana», ha detto il premier, e non mette al riparo dalle ambizioni iraniane. «Vi mostrerò – ha aggiunto – solo una frazione del materiale, ma anche solo da questo giungerete a quattro conclusioni: l’Iran ha mentito sul non aver mai avuto un programma di sviluppo bellico nucleare, anche dopo l’accordo ha continuato a estendere il know-how, nel 2015 ha mentito ancora all’Aiea e l’accordo è basato su bugie».

Le parole di Netanyahu arrivano in vista del 12 maggio prossimo, data entro cui gli Stati Uniti dovranno decidere se continuare a lasciare congelate le sanzioni contro Teheran che furono rimosse dal gennaio 2016, quando entrò in vigore l’accordo sul nucleare. Trump ha minacciato di ritirare gli Usa dalla storica intesa e di tornare a imporre sanzioni draconiane. I partner Ue hanno difeso l’intesa e l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha ripetutamente detto che Teheran sta rispettando gli accordi presi.

images

La prima reazione è venuta dagli Stati Uniti, dal presidente Donald Trump. “quello di cui siamo venuti a conoscenza conferma al cento per cento quello cheh dicevo io. Che l’accordo sul nucleare era sbagliato e pericoloso”.

(Stampa, Ansa)

Condividi