Schallenberg si oppone a Borrell
“No al pregiudizio contro Israele

Alexander Schallenberg e Josep Borrell

 Benché i 27 paesi dell’Unione Europea siano tenuti a decidere all’unanimità le posizioni dell’UE in politica estera, il rappresentante esteri dell’UE Josep Borrell ha ripetutamente ignorato la minoranza di paesi membri che si oppongono alle sue condanne e minacce contro Israele.

La scorsa settimana Borrell ha anche dichiarato che valuterà l’opzione di imporre sanzioni a Israele se Gerusalemme dovesse procedere con l’estensione della sua sovranità su porzioni della Cisgiordania. Mercoledì Ungheria e Austria, contrarie a queste posizioni, hanno messo in guardia i loro colleghi nell’Unione Europea dall’avallare un doppio standard contro Israele per quanto riguarda le risoluzioni dell’UE.

Il ministro degli esteri austriaco, Alexander Schallenberg, citato dal sito di news austriaco Kurier, ha dichiarato che il suo paese rifiuta il “pregiudizio” anti-israeliano e ha esortato ad avviare un dialogo con il nuovo governo di Gerusalemme.

Secondo il Jerusalem Post, Austria e Ungheria hanno chiesto a Borrell di invitare l neo ministro degli esteri israeliano Gabi Ashkenazi alla riunione del Consiglio affari esteri dell’UE.

Condividi