Secondo l’Asharq Al-Awsat
Due attacchi di Israele
in Iraq in dieci giorni

4885f912e0befdab4ca5ba3735bb90d1

Non solo il raid del 19 luglio 2019 su un deposito di missili nella base del partito sciita a nord di Baghdad. Israele ha ampliato le sue operazioni contro obiettivi iraniani in Iraq, dove i caccia stealth israeliani F-35I dell’Air Force (IAF) hanno colpito due volte in dieci giorni.

Secondo Asharq Al-Awsat, un giornale in lingua araba pubblicato a Londra, Israele è dietro anche un altro attacco in Iraq. Il 28 luglio Israele infatti ha condotto un raid contro Camp Ashraf, l’ex quartier generale dei Mujahedin del popolo iraniano, situato a 40 chilometri a nord-est di Baghdad e 80 chilometri dal confine iraniano. L’attacco ha preso di mira una spedizione di missili balistici, secondo quanto riferito dall’articolo.

I missili israeliani hanno preso di mira “posizioni militari e strutture di intelligence appartenenti all’Iran e alle milizie  pro-iraniane ” nelle province meridionali di Daraa e Quneitra. Israele non  conferma ne commenta queste azioni ma insiste sul fatto che ha il diritto di difendersi prendendo di mira posizioni detenute da Iran e Hezbollah.

66455177_357391198305855_5346773549493256192_n

 

 

 

Condividi