Sette israeliani su dieci
bocciano le Nazioni Unite

nuovo-segretario-generale-onu-donna-dopo-ban-ki-moon-orig-1_main

Gli israeliani sono la popolazione che ha di gran lunga l’opinione più negativa delle Nazioni Unite. Secondo un sondaggio del Pew Research Center il 65% degli israeliani considera negativamente le Nazioni Unite, un numero considerevolmente più alto rispetto a quello di tutte le altre popolazioni intervistate.

UN_views

Seguono, infatti, la popolazione russa con il 43% di opinioni negative, e quella tunisina con il 40%. Il sondaggio, condotto tra maggio e agosto in 32 paesi, ha rilevato una media di opinioni favorevoli del 61%.

Tra le cause dell’opinione negativa degli israeliani: il fatto che Israele è l’unico paese sistematicamente condannato da un punto fisso specifico (il numero 7) dell’ordine del giorno di tutte le riunioni del Consiglio Onu per dei diritti umani; le risoluzioni dell’Unesco che misconoscono la storia ebraica a Gerusalemme e in Terra d’Israele; il ruolo nel perpetuare anziché risolvere il conflitto giocato dall’Unrwa, l’agenzia Onu esclusiva per i profughi palestinesi contrapposta all’Alto Commissario per i rifugiati che si occupa di tutti gli altri profughi del mondo, con meno budget e meno personale; le continue minacce di processi e condanne da parte del Tribunale penale internazionale dell’Aia (che è indipendente dalle Nazioni Unite, ma con esse ha stretti legami operativi).

(Israelenet)

 

Condividi