Si disegna la nuova Siria
La rivolta delle tribù

 

9267-10115

di Giordano Stabile –

 Russia, Turchia e Iran, con il consenso Usa, disegnano il futuro della Siria ma i ribelli non ci stanno e lasciano i colloqui di Astana sbattendo la porta. La svolta dell’ultimo round dei negoziati in Kazakhstan è arrivata ieri, dopo che la telefonata di martedì fra Vladimir Putin e Donald Trump, e il vertice a Soci del presidente russo con Recep Tayyip Erdogan di mercoledì, avevano spianato la strada. Ora, entro un mese, dovranno essere definiti i dettagli e se non ci saranno colpi di scena – la prudenza è d’obbligo – potremo assistere «all’inizio della fine» di sei anni di guerra civile che ha causato 350 mila vittime.

diGiordanoStabile

GiordanoStabile

La chiave dell’accordo di Astana, che l’inviato speciale dell’Onu Staffan de Mistura ha definito «un passo importante», sono le «aree di deescalation». Saranno quattro, nelle zone di frontiera. Il nome è cambiato, ma racchiude di fatto le no-fly-zone invocate dagli americani, le «zone cuscinetto» proposte da Ankara, e quelle «di influenza» pensate da Mosca e agognate da Teheran. Per i ribelli però, è il preludio alla «spartizione» della Siria.
La delimitazione delle aree sarà definita «entro il 4 giugno». La zona «turca» dovrebbe essere allargata a tutto il Nord-Ovest, compresa la provincia di Idlib e parte della provincia di Aleppo.

3975708

Un’altra zona sarà a Sud, nella provincia di Daraa, dove operano ribelli moderati filo-Usa. La zona russa, con la presenza delle milizie sciite alleate dell’Iran, sarà nell’Ovest e lungo il confine con il Libano. Non è chiaro se l’ultima zona riguardi il Nord-Est, dove operano i curdi alleati degli americani. Il destino di Raqqa non è stato deciso. Secondo fonti turche, Washington non ha ancora dato luce verde all’attacco da parte dei curdi.

Staffan de Mistura

Staffan de Mistura

Il cessate il fuoco nelle quattro aree servirà a «proteggere i civili», a «garantire l’accesso degli aiuti umanitari», e a facilitare il ritorno dei profughi dai Paesi confinanti. La Russia ha aperto alla possibilità di osservatori internazionali, neutrali, e alla possibilità di istituire zone di «esclusione aerea», cioè fermare tutti i raid. L’inviato speciale del Cremlino, Alexander Lavrentyev dal Kazakhstanlo ha confermato. Damasco ha proposto pattuglie miste dell’esercito e dei ribelli ai check-point di ingresso. Dalla «de-escalation» saranno escluse Al-Qaeda e l’Isis. In questo senso va risolto il nodo di Idlib, in mano ad Hayat al-Tahrir al-Sham, emanazione siriana di Al-Qaeda.

Alexander Lavrentyev

Alexander Lavrentyev

Altri nodi sono il ruolo iraniano e la questione curda. Gli Stati Uniti si sono avvicinati alle posizioni russe e turche, hanno inviato ad Astana un alto diplomatico, Stuart Jones. Nella telefonata Trump-Putin è stata delineata un’azione comune in Medio Oriente, tanto che il presidente palestinese Abu Mazen, reduce dalla visita alla Casa Bianca, andrà a Soci la prossima settimana. La Turchia però insiste nel suo veto alla costituzione di un Kurdistan siriano semi-indipendente mentre il coinvolgimento dell’Iran non convince Washington.

Osama Abu Zayd

Osama Abu Zayd

Infine ci sono i ribelli che non fanno riferimento ad Ankara. Ad Astana erano rappresentati da Mohammed Alloush, leader di Jaysh al-Islam, formazione appoggiata dall’Arabia Saudita.

Hanno respinto la proposta su tutta la linea. «Vogliamo mantenere l’unità della Siria – ha spiegato il delegato Osama Abu Zayd -. E non potremmo mai essere d’accordo con un piano che prevede l’Iran come Stato garante». Un aspetto che è visto come «linea rossa» sia dalla potenze arabe sunnite che da Israele.

 (La Stampa )

 

Condividi