Si torna a pregare nella cella di Gesù

000_1D67AT-e1549656926438-640x400

di Amanda Gross –

Sono finiti i lavori di restauro ed ha finalmente riaperto la cappella costruita dove Gesù fu imprigionato dai soldati romani prima di essere crocefisso. La cappella era chiusa da diversi anni perché un incendio aveva creato gravi danni. Il sito si trova nella chiesa del Santo Sepolcro nella città vecchia di Gerusalemme.  Secondo la tradizione, il Santo Sepolcro si trova sul luogo della crocifissione e della sepoltura di Gesù.

la Prigione di Cristo , recentemente rinnovata, all'interno della Chiesa del Santo Sepolcro

La Prigione di Cristo all’interno della Chiesa del Santo Sepolcro

La cappella ospita due fori scavati nella roccia che erano usati, secondo la tradizione, per legare i piedi di Gesù. I due fori sono protetti da una finestra e sono adornati da un’icona che rappresenta i piedi e le mani.

La cappella è sotto la sovranità della Chiesa greco-ortodossa. “È la prigione dove Gesù – dice un funzionario -è stato arrestato dopo aver portato la croce lungo la Via Dolorosa. Ora finalmente è tornato ad essere un luogo di preghiera e contemplazione.”

Il sito è anche venerato dalla Chiesa armena, così come dai rappresentanti della Chiesa cattolica.

.

 

Condividi