Soumission Bataclan

564b5382241f1.jpeg_1775534641

di Pierluigi Battista –

Chissà se a Michel Houellebecq verrà la voglia di esigere un po’ di diritti d’autore, se Parigi rischia di diventare il palcoscenico della profezia contenuta nel suo romanzo Sottomissione, quello che racconta di una Francia che per la prima volta elegge un Presidente islamico.

Pierluigi Battista

Pierluigi Battista

E’ solo una suggestione, ovviamente. Ma il fatto che il prossimo ottobre il Teatro Bataclan, il luogo di una carneficina attuata con fanatica ferocia in nome del fondamentalismo jihadista, possa esibirsi un popolare rapper di nome Médine Zaouiche con una canzone intitolata proprio Jihad e un’altra in cui si accenna con artistiche metafore alla «crocifissione» dei laici, questo fatto può essere certo letto come un sintomo di sottomissione. Di rassegnazione. Di accondiscendenza. Di mancanza di reazione.

4D210C7200000578-5828947-An_online_petition_has_been_launched_against_the_rapper_who_rele-a-15_1528707036641

Médine Zaouiche

Perché ovviamente non è in questione la libertà d’espressione e la possibilità per un rapper di cantare le sue canzoni dal testo incendiario nei luoghi in cui si svolgono i concerti in Francia.

E’ in questione l’insensibilità, e anzi la pulsione di prepotenza con cui si è deciso di esibirsi proprio lì. Proprio in un luogo che non è un santuario ma che comunque resta lo scenario di una strage voluta e realizzata come atto di guerra religiosa.

4314.0.174736490-kM3H-U3020726247997PmC-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Di una jihad, anche se il rapper Médine dice di voler dare a questa espressione un significato del tutto diverso. Una decisione arrogante. Offensiva nei confronti dei parenti delle vittime che infatti sono restati interdetti da questa scelta sciagurata.

Michel Houellebecq

Michel Houellebecq

E comunque, se Médine si dice sconvolto per la morte di tutti quei giovani, cosa gli costa cambiare sala da concerto? Sarebbe la prova della sua buona fede, la dimostrazione della sua asserita volontà di tare vicino a chi ha perso un proprio caro al Bataclan. Se invece non lo farà, sarà uno schiaffo per Parigi. La libertà d’espressione resti intatta. Un po’ lontano dal Bataclan, però.

 

Condividi