Sport, Italia e Israele più vicini

sachsofer

Martedì prossimo l’ambasciatore d’Israele, Ofer Sachs, incontrerà nella sede nazionale dell’Aics di via Barberini il presidente dell’Associazione Italiana Cultura e Sport, il parlamentare Bruno Molea. Obiettivo: rinforzare i rapporti e le relazioni sportive tra due nazioni che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Italia e Israele uniti, in nome dello sport. E lo sport unisce, sempre (almeno quando non ci sono gli antisportivi; un nome per tutti: tal Salah, il calciatore che rifiutò la stretta di mano – quando giocava in Inghilterra – ad un avversario israeliano. Un pessimo e vergognoso esempio di sportività, che almeno noi di IT non vogliamo dimenticare. Ci torneremo, su Salah, molto presto in un articolo interamente a lui dedicato).

 Bruno Molea

Bruno Molea

Ma adesso parliamo di valori veri. “Nell’ottica dell’ottimo rapporto bilaterale, e grazie alla Federazione Italia-Israele, l’intenzione è quella di suggellare nuovi accordi con l’Aics, così da potenziare gli  eventi sportivi, gli scambi culturali e turistici, ma anche la formazione dei dirigenti sportivi. “Grazie all’Aics – spiega l’onorevole Molea – vantiamo già ottimi rapporti con la società polisportiva dell’Hapoel di Tel Aviv. L’incontro con l’ambasciatore Sachs è volto a rafforzare questo legame, nella consapevolezza che proprio attraverso sport e cultura passa il dialogo tra i popoli, la pace e l’integrazione”.

All’incontro- oltre al viceambasciatore dello >Stato di Israele a Roma, Dan Haerzachy –  sarà presente anche il presidente della Federazione Italia-Israele, Maurizio Borra. L’incontro è stato promosso da Archita Di Serio, presidente dell’Arcas Puglia/Aics nonché componente della Federazione Italia-Israele.

Condividi