Stupore, incredulità, sbigottimento
Nessuno credeva fosse un attacco vero

Le persone che stavano fuori da un rifugio antiaereo dopo essere state aperte dal comune di Tel Aviv

Tel Aviv, si discute davanti ad un rifugio antiaereo

 di Amanda Gross –

Le sirene sono tornate a suonare a Tel Aviv per la prima volta dopo quattro anni nell’incredulità generale.  La città colta di sorpresa, molti i residenti hanno dichiarato di aver avuto difficoltà a credere che si trattasse di un incidente reale e non di un guasto o di un malfunzionamento tecnico. Sbigottimento e incredulità ma anche paura. Cinque persone sono state ricoverate in ospedale per shock da paura.  

“Ero da un amico. Abbiamo sentito una sirena e eravamo sicuri che si trattasse di un’esercitazione militare ” racconta Yifat, un residente del quartiere Florentin. “Siamo andati alle scale, così come i vicini e nessuno sapeva se fosse vero. Abbiamo sentito due esplosioni che hanno scosso l’edificio. Uno dei vicini ha iniziato a piangere. I cani si sono fatti prendere dal panico. ” Ed ancora. “Siamo rimasti sorpresi – dice la signora Aviv – Sono andato subito sul balcone e mio marito mi ha urlato di entrare nel rifugio antiaereo “. In un ristorante del centro neanche si sono      alzati dai tavoli, nessuno credeva che l’allarme fosse reale.

 

 

Condividi