Sud Africa, escalation antisemita
Vandalizzati i cimiteri ebraici

sud-africa-western- 1 xxx

di Nick Gimbel –

La comunità ebraica di Strand, in Sudafrica, ha denunciato che è stato vandalizzato del cimitero ebraico locale. Ormai è una escalation di antisemitismo. La scorsa settimana, infatti, altri due cimiteri ebraici nello stesso distretto del Western Cape sono stati presi di mira dai vandali. La polizia teme che possano essere operazioni di una cellula neo-nazista.

Wellington, New Zealand - March 2, 2016: Jewish cemetery at Bolton Street Memorial Park in the suburb of Thorndon

Solo lo scorso dicembre, la comunità ebraica di Cape Town è rimasta scioccata quando il cimitero ebraico di Wellington, a circa 45 minuti da Città del Capo, è stato devastato. Trentanove le lapidi ebraiche che vennero profanate.

Stuart Diamond, il capo della comunità ebraica di Città del Capo, all’epoca disse: “La nostra comunità è scioccata da questo attacco: secondo la Costituzione, il Sud Africa appartiene a tutti coloro che ci vivono, e devono essere rispettati e accettati da l’altro.”

Isaac Herzog

Isaac Herzog

Il presidente dell’Agenzia ebraica Isaac Herzog ha invitato i paesi a intraprendere un’azione forte per combattere il fenomeno inquietante e in aumento. Un fenomeno sempre più preoccupante. “Faccio appello ai governi di tutto il mondo e alle autorità di contrasto per non prenderla alla leggera, e per prendere una mano ferma contro ogni manifestazione di antisemitismo.”

Yaakov Hagoel,

Yaakov Hagoel

Il vicepresidente dell’Organizzazione sionista mondiale, Yaakov Hagoel, ha risposto domenica all’evento antisemita dicendo: “Questi incidenti, sfortunatamente, si sono diffusi a macchia d’olio e sono diventati una tendenza globale, e questi sono incidenti molto gravi che devono essere fermati immediatamente prima che uccidano gli ebrei.

 

 

Condividi