Trump vuole sventare
la demonizzazione di Israele

israele-a-conferenza-su-antiterrorismo-in-usa-300x225

 di Paolo Mastrolilli –

L’amministrazione Trump ha deciso di chiudere l’ufficio dell’Olp a Washington, perché l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina non ha fatto abbastanza per riprendere il processo di pace con Israele, e minaccia di denunciare lo Stato ebraico davanti alla Corte penale internazionale. Il passo è stato annunciato dal dipartimento di Stato, e confermato da un discorso tenuto dal Consigliere per la sicurezza nazionale Bolton.

Paolo Mastrolilli xxxx

Paolo Mastrolill

 Il comunicato dice che gli Usa avevano consentito all’Olp di aprire un ufficio a Washington per facilitare la pace, ma l’organizzazione «non ha compiuto passi per far avanzare l’avvio di negoziati diretti e significativi con Israele. Al contrario, la sua leadership ha condannato un piano di pace degli Stati Uniti che non ha ancora visto, rifiutando di dialogare col governo americano riguardo gli sforzi di pace».

AP_17329016157692-e1536573240329-400x250

La sede dell’Olp a Washington

Perciò l’ufficio verrà chiuso entro il 10 ottobre. «Questa decisione è coerente anche con la preoccupazione dell’amministrazione e del Congresso che i palestinesi cerchino di promuovere un’inchiesta del Tribunale penale internazionale contro Israele».

 Sempre ieri, infatti, il consigliere per la sicurezza nazionale Bolton ha tenuto un discorso con cui ha attaccato la Corte, da cui gli Usa si erano ritirati durante l’amministrazione Bush.

55EF4AB3-0F41-44F7-B2A3-D62A560F17FE_cx0_cy7_cw0_w1023_r1_s

John Bolton

Il consigliere di Trump ha minacciato di usare tutti i mezzi a disposizione di Washington per boicottarla, se prenderà iniziative contro gli interessi americani. Bolton aveva in mente in particolare un’ indagine su presunti reati commessi dai soldati Usa in Afghanistan, e appunto la denuncia dello Stato ebraico da parte dei palestinesi.

indexL’avversione dei repubblicani per il Tribunale penale internazionale esiste in pratica da quando è nato, ma si è accentuata ora con l’amministrazione sovranista guidata da Trump, che lo vede come una minaccia per gli interessi nazionali. Il collegamento con Israele ha invece la doppia funzione di difenderlo da eventuali inchieste e mettere pressione sui palestinesi in vista della possibile presentazione del piano di pace elaborato da Kushner, genero del Presidente. Il testo è pronto, ma Abbas ha rifiutato di considerarlo. Washington quindi ha tagliato gli aiuti finanziari ai palestinesi, e ora chiude l’ufficio dell’Olp, nella speranza di spingerli ad accettare la trattativa. Il mediatore Saeb Erekat ha però risposto che otterranno l’effetto opposto: «Non cederemo al ricatto, e accelereremo la denuncia di Israele alla Corte».

 (Stampa)

 

Condividi