Vergogna, vergogna, vergogna
In Parlamento la Napoli antisemita
che boicotta il Giorno della Memoria

50793908_551265632056052_7088702260573634560_n

Riportiamo l’intervento del deputato di Forza Italia Andrea Orsini sulla vicenda di una manifestazione organizzata a Napoli il giorno della Memoria al Maschio Angioino.

Intervengo con la profonda amarezza di una persona delle istituzioni che vede che ancora una volta un’istituzione del nostro Paese, il comune di Napoli, affronta il Giorno della memoria e lo celebra in un modo quanto meno originale. Lo celebra autorizzando un atto di antisemitismo in una sede istituzionale prestigiosa come il Maschio Angioino; lo celebra con un convegno nel quale si dà spazio – anzi, si dà spazio esclusivamente – ai boicottatori di Israele, a chi paragona Israele all’apartheid.

ANDREA ORSINI

Andrea Orsini

Associare la parola “Israele” alla parola “apartheid” è vergognoso in una sede istituzionale, è vergognoso verso un Paese amico ed è offensivo verso milioni di vittime della più odiosa e tragica persecuzione razziale della storia. Io so che questi atteggiamenti al comune di Napoli non sono nuovi e lei stessa, signora Presidente (Mara Carfagna ndr) – mi scusi se la coinvolgo – ha avuto molte occasioni, nel consiglio comunale di Napoli, di denunciare questi atteggiamenti.

Ma credo che sia doveroso, per quel poco che serve, far sentire la voce di una ferma protesta – in questi giorni in cui si commemora la morte di tanti ebrei colpevoli di essere ebrei – contro chi combatte gli ebrei vivi, la loro nazione e il loro diritto a difendersi. Non si possono compiangere i deportati di Auschwitz e seminare odio contro lo Stato creato dai sopravvissuti di Auschwitz perché una tragedia come quella non si ripeta più.

cittadinanza onoraria ad Abu Mazen Abu Mazen e Luigi de Magistris

De Magistris conferisce la cittadinanza onoraria ad Abu Mazen

Signora Presidente, l’antisemitismo – e concludo – è un demone che mai come oggi si aggira sull’Europa (e non solo a Napoli, purtroppo). È un demone del quale sento l’eco quando un esponente del maggiore partito della maggioranza evoca i Protocolli dei Savi di Sion (Applausi dei deputati dei gruppi Forza Italia-Berlusco ni Presidente e Partito Democratico), la più infame menzogna, l’atto più osceno perpetrato contro un popolo, che ne ha legittimato lo sterminio, che ha legittimato il più tragico tentativo di eliminazione fisica di un popolo nella storia del mondo moderno.

Un esponente del partito di maggioranza – e davvero concludo – osa evocarli e non viene immediatamente espulso. I colleghi del MoVimento 5 Stelle ci hanno abituato ad atti stravaganti e ad affermazioni bizzarre, a parlarci di scie chimiche o di rettiliani, e fin qui possiamo sorridere. Ma quando parlano del complotto ebraico per dominare il mondo non c’è più nulla da ridere: c’è solo da rabbrividire e da vergognarci per loro (Applausi dei deputati del gruppo Forza Italia-Berlusco ni Presidente).

 

Condividi