“Viva la Germania e la Palestina”
L’aggressione al rabbino di Livorno

Avraham Dayan

Ha avvicinato il nuovo rabbino capo urlandogli «Germania, free Palestina» vestito con una maglietta dipinta con la bandiera tedesca e ricordandogli i periodi più bui della storia moderna.Sono dovuti intervenire i carabinieri al mercato di piazza Cavallotti.

L’egiziano Avraham Dayan, da nove mesi responsabile della numerosa comunità ebraica livornese, improvvisamente è stato avvicinato dall’uomo, apparentemente un giovane italiano di circa 30 anni, che senza offenderlo in modo esplicito o esponendo simboli chiaramente antisemiti lo ha comunque apostrofato in malo modo, con toni tutt’altro che pacifici, urlando contro di lui «Germania, Germania, free Palestina, viva la Palestina», prima di scappare.

La scena, durata un minuto scarso, non è sfuggita ai numerosi passanti, che hanno subito espresso solidarietà a Dayan, una persona che da quando è arrivata in città si è fatta subito benvolere dalla comunità: «È un piccolo episodio – spiega – che avviene comunque all’interno di una città molto amichevole, tutt’altro che antisemita, e dove ho sempre ricevuto una bellissima accoglienza. Livorno non è questa, lo so benissimo. È la prima volta che mi succede una cosa simile, anche se sono qui da appena nove mesi, ma penso anche che sia l’ultima».

(Tirreno)

 

What do you want to do ?

New mail

Condividi