Vincere anche quando si perde

C_29_video_9

Munas Dabbur da il suo giubbotto alla bambina infreddolita

di Eduardo Palumbo –

Certe volte si può vincere anche perdendo. E’ quello che è successo al mitico Hampden Park di Glasgow dove Israele ha affrontato nell’ultimo turno di Nations League la Scozia in una sorta di spareggio per chi veniva promosso in League B.

vzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

Pur fornendo una buona prestazione la squadra israeliana è stata sconfitta per 3 a 2 soprattutto per la super prestazione di uno scatenato Forrest che ha messo a segno una tripletta (9′ Kayal, 34′, 43′, 64′ Forrest, 75′ Zahavi la sequenza delle reti).

Secondo il classico rituale del pre partita squadre schierate a centrocampo, con i bambini per gli inni nazionali. Solo che i poveri bimbi sembrano di ghiaccio (temperatura intorno ai sei gradi), infreddoliti e tremanti.  Ecco allora che i calciatori israeliani si tolgono i giubbotti per coprire i bambini che di colpo ritrovano il sorriso… Un gesto che merita gli applausi. Certamente più di un gol.

 

 

 

Condividi