“Vogliono farmi incriminare”
Netanyahu si scaglia contro i media

epa06168047 UN Secretary General Antonio Guterres (not pictured) and Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu give a joint press conference in Jerusalem, Israel, 28 August 2017. Guterres is on a three-days visit to Israel and the Palestinian territories.  EPA/Heidi Levine / POOL

 

La notte scorsa il premier Benyamin Netanyahu è tornato ad attaccare per la seconda volta i media accusandoli di mettere in evidenza le indagini contro di lui per corruzione con l’obiettivo di mettere fine al suo governo. “L’industria delle false notizie – ha detto in un discorso ai sostenitori, stimati in 2/3mila, del suo partito il Likud – è al suo massimo e lo scopo delle proteste è quello di farmi incriminare ad ogni costo”. “Danno notizie entusiasticamente e senza fine delle proteste della sinistra. Le stesse proteste il cui fine è applicare pressioni improprie in modo che un’incriminazione sia emessa”, ha spiegato riferendosi alle manifestazioni che ogni sabato sera, da mesi, si svolgono sotto la casa dell’Avvocato Generale dello stato a Gerusalemme Avichai Mandelblit a favore di una rapida messa in accusa.

(Ansamed)

Condividi